Sergei Jurijewitsch Sudeikin ( * 1882 † 1946 )

Biografia di Jurujewitsch Sudeikin

Virtuoso scenografo

Sergei Jurjewitsch Sudeikin è nato il 19 marzo 1882 a San Pietroburgo. Fu uno dei più famosi scenografi russi dell'età dell'argento.

Nel 1897 entra nella scuola di pittura, scultura e architettura di Mosca. Tra i suoi insegnanti figurano A. E. Arkhipov, A. S. Stepanov, A. Vasnetsov, MA, N. Kasatkin, K. Korowin, L. O. Pasternak. Nel 1902 viene espulso dall'Accademia di Belle Arti perché mostra le sue opere dai contenuti frivoli durante una mostra studentesca.

Sergei Sudeikin ha partecipato alla mostra "La rosa rossa" nel 1904 e, nel 1907, ha partecipato alla mostra all'origine dell'associazione artistica simbolista "La rosa blu". L'associazione ha riunito tutti i rappresentanti del Simbolismo russo, ma l'artista ha sviluppato il suo stile chiamato "Simbolismo ironico". Ha presentato fiere, mercati e scene popolari della vita delle città di provincia russe. Molti dei suoi dipinti sembrano in qualche modo improvvisati. Combina uno stile moderno con tecniche artistiche d'avanguardia ("Karussell" 1910, illustrazione del libro di Mr. Kuzmin "Liebesspiele" 1910). Nel 1909, Sergei Sudeikin ha studiato all'Accademia di belle arti di San Pietroburgo. Nel 1911, diviene membro dell'associazione "Mondi d' Arte" e partecipa a mostre organizzate dall'associazione.

Nel gennaio 1907, Sudeikin sposa l'attrice e ballerina Olga Glebova. Nel 1915 si sposa per la seconda volta con la ballerina Vera de Bosset da cui si separerà nel 1922.

L'amicizia di Sudeikin con Konstantin Somow ha avuto una grande influenza sul suo stile. L'artista interpreta scene romantiche nella forma di Lubok (immagini popolari satiriche, patriottiche o socialmente critiche della Russia) con elementi teatrali grotteschi. Ecco come si cristallizzano i suoi motivi preferiti: teatro, balletto e commedia all'italiana. Sudeikin divenne uno dei protagonisti della vita letteraria e artistica di San Pietroburgo. Ricevette molte commissioni per la progettazione di libri, dei più famosi cabaret e dei centri della vita culturale di San Pietroburgo: "Cane vagabondo" e "Il resto dei Comici". Come grafico, ha collaborato con riviste come "Libra", "Apollo", "Satyricon" e "New Satyricon".

L'artista ha vissuto a San Pietroburgo e ha viaggiato spesso a Mosca. A San Pietroburgo, ha lavorato con il W. F. Komissarzhevskaya e il Maly Drama Theatre di Mosca con l'Hermitage Theatre, W. E. Meyerhold (regista e attore russo). Lo ha invitato a lavorare sulle sue esibizioni comiche. Sudeikin ha creato dozzine di spettacoli teatrali e operistici. I più noti sono "Orfeo ed Euridice" di Christoph Gluck e "Die Walküre" di Richard Wagner. Nel 1913, Sudeikin partecipò alle "Stagioni russe" (tournée di artisti russi di balletto e opera, organizzati dal famoso critico d'arte e impresario Sergey Dyagilev) a Parigi e organizzò diverse mostre.

Durante la rivoluzione russa del 1917, Sudeikin si trasferisce a Tbilisi nel 1919 e nel 1920 a Parigi. Dopo essere emigrato, ha continuato a lavorare come artista teatrale. Ha collaborato con l' "Opera Russa" e il teatro "Apollo", ha progettato il balletto "La bella addormentata nel bosco" per la troupe A. Pavlova. Come scenografo del cabaret di N. F Baliyev "Fledermaus" a Parigi, parte in tournée negli Stati Uniti nel 1922 e si trasferisce a New York. Negli Stati Uniti, ha lavorato a lungo con l'Opéra Méropolitain. È stato il creatore del set per il film hollywoodiano "Sonntag" (1934-1935), basato su un romanzo di L. N. Tolstoy.

Gli ultimi anni della sua vita sono stati marcati dalla malattia e dalla povertà. Muore ad agosto del 1946 a NewYork.

 

 ©COPIA-DI-ARTE.COM 

Stampe di quadri e opere dell' artista Sergei Jurijewitsch Sudeikin

Verso l'alto