Francisco Jose de Goya ( * 1746 † 1828 )

Ritratto di Francisco José de Goya

Biografia di Francisco José de Goya

Meraviglioso e diverso

Francisco Goya (Francisco José de Goya y Lucientes) nacque il 30 marzo 1746 a Fuendetodos, vicino a Saragozza, Spagna nato. Goya fu un artista ribelle e rivoluzionario del XVIII e dell'inizio del XIX secolo.

La sua carriera artistica è iniziata all'età di 14 anni. Nel 1760 studiò con il pittore barocco José Luzán y Martínez a Saragozza. Nel 1763 si trasferì a Madrid e lavorò nello studio del pittore di corte Francisco Bayeu.

Dal 1763 al 1766, de Goya volle studiare all'Accademia Reale Spagnola e presentò anche le sue opere. La richiesta fu respinta e il giovane artista decise di continuare i suoi studi di arte barocca e di affresco in Italia. Andò a Roma intorno al 1769/70. Nel 1771, tuttavia, tornò in Spagna e ottenne le sue prime commissioni come pittore di affreschi per cappelle e cattedrali. Le sue prime opere furono dipinti religiosi e pale d'altare in stile barocco-rococò. Nel 1773 de Goya sposò Josefa Bayeu, la sorella del suo ex insegnante Francisco Bayeu. Insieme ebbero una ventina di figli, ma solo uno è sopravvissuto.

Dal 1775, produsse disegni per la manifattura reale di tappeti Santa Bárbara a Madrid. Fu così che iniziò la sua carriera a corte. Sotto la direzione dell'artista tedesco Anton Raphael Mengs, Goya dipinse scene di vita quotidiana e di passatempi aristocratici.

Con il tempo, il suo stile di pittura si è sviluppato. Si allontanò dalle influenze dei suoi insegnanti e crebbe come pittore freelance. Due maestri hanno avuto un ruolo importante in questa creazione: Rembrandt e Velázquez. Uno ispirò i suoi successivi disegni e incisioni e l'altro lo introdusse all'arte del realismo.

Goya si fece anche un nome con il ritratto. Nei circoli aristocratici più elevati, ritrasse funzionari di corte e membri dell'aristocrazia. Così furono creati i ritratti della marchesa di Pontejos e del conte Floridablanca, i principi di Floridablanca e Carlo IV di Spagna.

Nel 1780, Goya divenne membro dell'Accademia Reale, non senza l'influenza di suo cognato Francisco Bayeu y Subías, nominato da San Fernando a Madrid ed elevato alla nobiltà. Fu poi nominato vice direttore dei dipinti alla Royal Academy ed eletto direttore dell'accademia nel 1795. Nel 1786 divenne pittore di corte di Carlo IV. Il culmine della sua carriera fu la nomina di "primo pittore di corte", che lo rese uno dei più importanti ritrattisti di Spagna e gli portò successo e fama.

Nell'inverno del 1792, Francisco de Goya divenne completamente sordo. La malattia cambiò la sua percezione sensoriale e segnò una svolta nella sua carriera. L'artista vedeva il suo ambiente in modo più critico e nelle sue opere predominano i colori scuri. Il suo stile si evolve quindi in una variante più espressionista del Rococò.

Durante la sua convalescenza, il pittore si ritirò sempre di più, dipingendo una serie di quadri da gabinetto. Goya riassunse un realismo esagerato che rasenta la caricatura, nei disegni e nelle incisioni della serie "Los caprichos", che pubblica nel 1799. Il pittore raggiunse una realtà drammatica nelle sue scene politiche, sociali e religiose utilizzando la tecnica dell'acquatinta, una tecnica di incisione in cui i mezzitoni sono ottenuti tramite incisione di superficie. Il nuovo spirito critico si espresse anche nelle immagini "Madhouse", "Inquisition Session" e "The Shooting of the Insurgents", in cui de Goya mostrò comportamenti umani estremi.

Sotto il regno di Napoleone, Goya, mantenne la sua posizione di pittore di corte e durante la guerra rappresentò i generali spagnoli e francesi.

I disegni che mostrano le conseguenze della guerra furono pubblicati da de Goya come "Gli orrori della guerra" (1810-1814). La serie di quadri con dettagli brutali esprimeva una forte critica alla chiesa e al potere reale, per cui Francisco de Goya fu chiamato "l'amico francese".

Per uno dei suoi quadri più famosi, il nudo "La Maya nuda" (1801), Goya dovette rispondere all'Inquisizione. L'immagine, innocua dal punto di vista odierno, fu il primo nudo nell'arte spagnola a mostrare peli pubici femminili.

Intorno al 1820, Goya si ritirò in campagna e iniziò una serie di affreschi sui muri della sua vicina casa di campagna a Madrid, conosciuti come i "Dipinti Neri". Anche il crudele dipinto "Saturno divora uno dei suoi figli" proviene da questa serie.

Nel 1824, la persecuzione politica in Spagna costringe l'artista all'esilio in Francia.

 

 ©COPIA-DI-ARTE.COM 

Falsi d'autore, stampe di quadri e dipinti dell' artista Francisco Jose de Goya

Shop | Scopri
Verso l'alto